Venerdì 15 gennaio l’eclissi solare più lunga del millennio
14 gennaio 2010, di Redazione Trova-Roma.com
 

Venerdì 15 gennaio ci sarà la prima eclissi del 2010. La luna si sovrapporrà al sole lasciando scoperto soltanto un anello. Quello che si potrà percepire dall’Italia, soprattutto dal Centro Sud e nubi permettendo, è un leggero indebolimento della luce nel momento in cui sorgerà il sole, intorno alle 7:40 del mattino.

Il vero spettacolo si potrà invece godere nella zona compresa tra l’Africa centrale e l’Asia orientale. Tanto che un gruppo di un cinquantina di astrofili italiani è già pronto con i telescopi ad osservare il cielo dalle Maldive. Lì sarà possibile osservare il fenomeno al meglio: la luna avrà un diametro apparente appena poco più piccolo rispetto a quello del Sole e si vedrà un sottile anello del disco solare circondare il disco nero della luna.

«Siamo qui con tutti i nostri strumenti», ha detto il presidente dell’Unione Astrofili Italiani (Uai), Emilio Sassone Corsi. «Qui la copertura del Sole sarà del 92% e potremo vedere l’anularità per ben 10 minuti. Speriamo ovviamente nel bel tempo, ma quasi sicuramente non resteremo delusi».

Una durata record, ma che non batte ancora quella dell’eclissi anulare di sole del 14 dicembre 1955, nella quale la luna si stagliò contro il disco del Sole per 12 minuti e 9 secondi, aggiudicandosi il primato di eclisse più lunga del secondo millennio.

Andare fino alle Maldive valeva comunque la pena anche perché le eclissi anulari sono una vera rarità, spettacoli inseguiti per anni dagli appassionati. L’ultima eclissi anulare risale al 3 ottobre 2005, sarebbe stata osservabile dall’Italia, ma il cielo nuvoloso fece da guastafeste.